Pizza napoletana patrimonio immateriale dell’Umanità. L’attesa e la proclamazione

Pizza napoletana patrimonio dell’Unesco: tutti in attesa per la decisione. il ministro Dario Franceschini è a Napoli nel museo di Capodimonte per il riconoscimento dall’Unesco della pizza come patrimonio immateriale dell’Umanità e per ammirare il forno che ha cotto la prima Margherita della storia. Nel Casamento Torre, infatti, si trova un antico forno di campagna nel quale, nel 1889, il pizzaiolo Raffaele Esposito, della pizzeria Brandi, preparò tre pizze per la regina Margherita di Savoia che gli chiese di assaggiare. Raccolte due milioni di firme per questo riconoscimento che darà ufficialmente  il riconoscimento a Napoli che attende da 130 anni.

C’è un luogo di Napoli che pochi conoscono. E’ il forno in cui venne fatta la prima pizza Margherita. Il mondo intero lo considererebbe un posto magico. Da noi invece è stato quasi dimenticato fino a quando un direttore straniero del museo di Capodimonte, il francese Sylvain Bellenger, non ne ha deciso il recupero. Ferdinando IV di Borbone era un patito delle osterie dove andava di nascosto, e amava tanto la pizza al punto di voler farla assaggiare alla sua giovane consorte, l’austriaca Maria Carolina facendo costruire il forno chiamando il migliore pizzaiolo della città.  Anni dopo anche Ferdinando II di Borbone lo fece utilizzare per la Regina Margherita di Savoia. La Margherita è nata a Napoli negli anni tra il 1796 e il 1810.

Tra poche ore la commissione del Comitato intergovernativo riunito sull’isola di Jeju in Corea del Sud  darà l’esito per il riconoscimento dell’arte dei pizzaioli napoletani, per Napoli e l’Italia.

Aggiornamento

7 dicembre 2017. Alle 4.47 L’Unesco consacra la pizza e l’arte del pizzaiolo napoletano a patrimonio culturale dell’Umanità. Voto unanime del Comitato di governo dell’Unesco  per il riconoscimento della creatività alimentare napoletana  unica al mondo.

Napoli, il 14 dicembre pizza gratis in piazza per festeggiare il titolo Unesco. Pizza Village & Friends per l’Unesco – Special Edition, con il patrocinio del Comune di Napoli e della Fondazione Univerde, pizza gratis per tutti con centinaia di pizzaioli, per festeggiare l’Arte del pizzaiolo napoletano riconosciuta come Patrimonio Immateriale dell’Umanità dall’UNESCO. Dalle 11 alle 15 in piazza Del Gesù tutti coloro che hanno contribuito al successo e i forni della più celebre e grande manifestazione dedicata alla pizza napoletana.