Prima Conferenza dei Distretti Turistici della Campania

Lunedì 18 Novembre, la Prima Conferenza Programmatica di tutti i Distretti Turistici della Campania. I Distretti Turistici saranno protagonisti della nuova programmazione comunitaria 2021-2027 per la valorizzazione culturale e turistica del territorio, con particolare riguardo al turismo sostenibile.

In Campania i Distretti Turistici sono 24 di cui 8 nella provincia di Napoli, 4 nella provincia di Avellino, 3 nella provincia di Caserta, 6 nella provincia di Salerno, 2 nella provincia di Benevento, mentre il Distretto Turistico Partenio ricade in parte nella provincia di Avellino ed in parte nella provincia di Napoli.

Il turismo in Italia rappresenta il 16% del Pil nazionale per questo dobbiamo dare vita ad un modello che rispetti i territori. Puntare sul Turismo Ambientale, su un turismo che sia sempre più sostenibile e meno burocrazia. In Campania aumenta il turismo culturale con un aumento del flusso turistico delle aree interne dell’1,2 %.  Cresce dunque il turismo basato sullo star bene, sull’agroalimentare e sulla cultura e crescono anche le aree interne meno conosciute.

Ora il messaggio dei Distretti Turistici nella Prima Conferenza Programmatica è chiaro: partiamo con la Zona a Burocrazia Zero. La norma ci consente di fare la Pianificazione Strategica – sono state le parole di Vincenzo Marrazzo, presidente del Coordinamento di tutti i Distretti Turistici della Campania. Mettiamoci tutti insieme con gli imprenditori, facciamo da cerniera ma che sia quella dei Distretti Turistici una vera Zona a Burocrazia Zero. Scommettiamo su questa sinergia, coinvolgiamo il mondo delle Università. Facciamo in modo che i nostri giovani non vadano via ma credano sempre di più in uno sviluppo turistico che non ha nulla da inventare. Il nostro mare, le nostre montagne, la nostra cucina rappresentano un patrimonio che nessuno ha al mondo.

Alla Prima Conferenza Programmatica di tutti i Distretti Turistici della Campania Andrea Cozzolino, Europarlamentare, relatore nuovo FESR, Fondo di Coesione UE 2021 -2027. “Siamo alle battute finali di un lavoro che stiamo svolgendo in Parlamento Europeo con i nuovi regolamenti Comunitari. Nei prossimi mesi avremo questo strumento importante che per la prima volta riconosce la funzione dei Distretti Turistici come Enti di programmazione di risorse comunitarie. Non avremo più solo le Regioni impegnate nella programmazione delle risorse comunitarie, ma avremo il protagonismo dal basso dei distretti turistici. In questi distretti si possono costruire alleanze importanti tra imprese, associazioni, cittadinanza, istituzioni.  Le risorse comunitarie saranno una grande opportunità di sviluppo turistico ed economico del territorio.