21 dicembre è il compleanno della città di Napoli.

2494 anni fa, il 21 dicembre  del 475 a.C. è ritenuto il giorno della fondazione di Napoli. Tanti sono i miti e le leggende che si ricollegano alla fondazione della città, primo fra tutti quello della sirena Partenope che, rifiutata da Ulisse, venne a morire sull’isolotto di Megaride, dove ora sorge il Castel dell’Ovo.

Il primo nucleo abitativo, Parthenope, risale all’ottavo secolo prima di Cristo (prima della fondazione di Roma) tra l’isolotto di Megaride e il Monte Echia-Pizzofalcone. Tra le più antiche città al mondo, veniva fondata sui resti di Palepoli, l’antica polis distrutta e rasa al suolo dai greci stessi. Rifiorì e fu chiamata Nea Polis. Fondata dai Cumani, fu greca, poi romana, bizantina, successivamente capitale del omonimo Regno di Napoli.

 

 

 

Domani 21 dicembre alle ore 15,30 tutti al Castel dell’Ovo, dove verrà celebrato il compleanno di Napoli con il giuramento d’amore davanti all’isolotto di Megaride, il Vesuvio ed al mare. L’evento, che è a titolo simbolico, è organizzato dai volontari di “Sii Turista Della Tua Città” con la torta, le candeline e perfino lo spumante. Una grande occasione per accrescere consapevolezza e coscienza tra i cittadini e non solo.

 

“Questo evento nasce dalla volontà di condividere un’idea romantica e molto semplice, non si tratta di una campagna di comunicazione, è solo un messaggio d’amore. Alcuni anni fa, mentre mi trovavo vicino al mare, a Posillipo – racconta Luca De Martino, presidente dell’associazione Sii Turista Della Tua Città – lessi su un muro una scritta: ‘Giurai dinanzi al mare, son servo di questa terra, Partenope me l’ha donata e morirò per difenderla’. Mi misi a ripetere quelle parole. A Napoli ho giurato amore incondizionato e quella scelta ha dato un senso alla mia vita”. Associazione artistico-culturale “Sii Turista Della Tua Città!”, nata nel 2011, ha impiegato le proprie energie in un processo di valorizzazione culturale, sociale e artistica del patrimonio artistico culturale dell’intero territorio campano.