News

Chianche, l’Irpinia dice no al biodigestore

La Regione Campania autorizza il Comune di Chianche in provincia di Avellino, alla costruzione di un imponente impianto di biodigestore nel cuore dell’area D.o.c.g del “Greco di Tufo”, impianto di trattamento della frazione umida dei rifiuti, nella valle del Sabato. I comitati e organizzazioni intervengono per dire NO a questa inaudita scelta di localizzazione dell’impianto industriale di compostaggio per il timore di inquinamento del Sabato (per  gli scarichi) che per il territorio, di cui fa parte Chianche, dove vengono prodotti vini di fama internazionale come il Greco di Tufo, il Taurasi e il Fiano.

 

I biodigestore sono stazioni di riciclaggio per lo smaltimento dei rifiuti organici, che trasformano in energia. Si tratta di una nuova tecnologia e in Italia già sono presenti soprattutto al Nord. Si tratta di impianti in cui vengono trattati, attraverso un processo di compostaggio che avviene per via anaerobica (cioè in assenza di ossigeno), i rifiuti organici domestici e gli scarti agricoli.

Come funziona? L’impianto trasforma i rifiuti organici e li miscela con dei batteri. Si ottiene quindi una miscela detta biogas, gas metano, che unito all’anidrite carbonica produce energia elettrica o termica. Questi impianti sono stati presentati come fonti rinnovabili,in quanto ridurrebbero le emissioni di gas serra. Il comune di Chianche dovrebbe ricevere circa 30.000 t./anno con il conseguente inquinamento dei tir per il trasporto.

 

L’Osservatorio ambientale mette in guardia dai rischi per la salute: le variabili in gioco nella gestione di tali impianti sono tante e tali, da non promettere nessuna sicurezza per la salute dei cittadini “al di là di ogni ragionevole dubbio”.

I principi su cui si fonda questo mercato interessano lo sfruttamento di liquami e sottoprodotti agricoli, o prodotti appositamente coltivati come il mais, per la produzione di gas. Il rischio risiede nel fatto che è diventato un settore troppo appetitoso per quanti, ormai, fanno fatica a guadagnare con l’agricoltura o l’allevamento.

L’ avvelenamento dei terreni: poiché i vegetali necessari per la fermentazione non sono destinati all’alimentazione umana e poiché quello che conta è la resa, i terreni coltivati vengono irrorati con dosi massicce di fertilizzanti e pesticidi, inquinando il terreno stesso e le falde acquifere.

Le alte emissioni prodotte da queste centrali capaci di bruciare alte quantità di materiale organico per produrre energia oltre a liberare nell’aria polveri sottili, emanano ossidi d’azoto, ozono e altre molecole inquinanti.

L’emissioni odorigene dovute ad una cattiva o mancata manutenzione dei biofiltri.  Queste emissioni avvengono anche durante le manutenzioni per la perdita di tensione della cupola gasometrica dell’impianto, il cui sgonfiamento provoca significative fuoriuscite dell’aria interna.

Tufo (Av) – RAI 3 TGR Itinerante su Facebook

Notizie dal web

leggi tutto

Borghi Autentici d’Italia, terza giornata nazionale

Borghi Autentici d’Italia è un’Associazione che riunisce piccoli e medi comuni, enti territoriali ed organismi misti di sviluppo locale, attorno all’ obiettivo di un modello di sviluppo locale sostenibile, equo, rispettoso dei luoghi e delle persone e attento alla valorizzazione delle identità locali. L’obiettivo: riscoprire i borghi italiani quali luoghi da vivere, sostenere e preservare.

“Cibo e vino: orgoglio di comunità” è il tema scelto per la terza Giornata Nazionale dei Borghi Autentici d’Italia che si svolgerà il 30 settembre 2018,una festa diffusa su tutto il territorio nazionale e che vede la partecipazione di oltre 60 piccoli e medi comuni aderenti. Dalla Liguria alla Sicilia, i comuni che parteciperanno all’ evento racconteranno la storia dei loro sapori attraverso una serie di iniziative dedicate, tra street food, show cooking, mercatini autentici a km 0, convegni, mostre fotografiche ed eventi di carattere antropologico e storico. Comunità che si impegnano per migliorare il sistema alimentare locale a partire dalla valorizzazione delle produzioni locali, con particolare attenzione alla conservazione della biodiversità agroalimentare e degli ecosistemi, per garantire uno sviluppo locale economico, culturale, sociale e ambientale armonico e rispettoso degli equilibri naturali. Con la loro visione e i loro saperi lavorano per promuovere una nuova gastronomia, fondata sulla tutela della biodiversità, la protezione dell’ambiente e il rispetto delle culture e delle tradizioni locali.

Borghi Autentici d’Italia è una rete fra territori dove protagoniste sono le persone e le comunità, realtà che decidono di non arrendersi di fronte al declino e ai problemi ma che scelgono di mettere in gioco le proprie risorse per creare nuove opportunità di crescita: realtà che appartengono a quell’Italia che ce la vuole fare.

http://www.borghiautenticiditalia.it

http://facebook.com/borghiautenticiditalia

leggi tutto

Turismo, potenziati i collegamenti verso Formia e Sapri

Agosto da tutto esaurito in Campania per il turismo, pienamente rispettate le previsioni dell’Osservatorio Turistico Extralberghiero Abbac per l’estate 2018. Le bellezze naturali della Campania esaltano il turismo e lo rendono uno dei capisaldi dell’economia regionale. ll mese di agosto non conosce crisi a nessun livello per il turismo in Campania.Trend sempre crescenti e costanti per la Costiera Amalfitana, Penisola Sorrentina e Cilento. Amalfi è al momento prenotata per il 91% ma già in queste ore il dato potrebbe essere stato superato, portando in over booking anche gli altri Comuni della Divina come Praiano, Conca dei Marini, Maiori, Minori, Cetara e Vietri sul Mare.

Per rispondere alle esigenze di mobilità dei turisti e dei pendolari del mare, a partire da sabato 3 agosto e fino a domenica 2 settembre 2018, durante tutti i weekend, la Regione Campania potenzia i collegamenti ferroviari Trenitalia verso le località di mare a Nord e a Sud, con 14 treni aggiuntivi, per ben 8.500 posti a sedere in più.

Sulla linea Napoli-Formia, ogni sabato e in tutti festivi, viaggeranno 2 treni straordinari.

Sulla linea Salerno-Sapri, ogni sabato ci saranno 4 treni in più, mentre sulla linea Napoli-Sapri, i treni aggiuntivi saranno 2 il venerdì, 5 il sabato e 1 la domenica.

leggi tutto

MIT: pronto il decreto per finanziare le ciclovie turistiche

Se ne parlava da due anni, oggi il MIT con il ministro dei trasporti  Toninelli, predispone il provvedimento che assegnerà oltre 361 milione alla rete di infrastrutture che uniscono mobilità dolce e turismo sostenibile, a circa 5000 chilometri ciclabili.

Parte dalla Campania la“Ciclovia dell’Acquedotto Pugliese”, da Caposele (AV) a Santa Maria di Leuca (LE), utilizzando la strada di servizio  normalmente vietata all’accesso e al transito ordinario in quanto destinata soltanto al personale autorizzato, che corre lungo il Canale Principale dell’Acquedotto pugliese. Si tratta di circa 500 chilometri attraverso Campania, Puglia e Basilicata mettendo in collegamento alcuni tra i luoghi più belli e poco noti del Sud Italia: l’Alta Irpinia, il Vulture Melfese, l’Alta Murgia, la Valle d’Itria, l’Arneo e l’entroterra salentino. Un percorso alla scoperta di paesaggi incontaminati, lungo le tracce storiche del più grande acquedotto d’Europa. . Siglato tra Mit, Mibact e Regioni Campania, Basilicata e Puglia. Si tratta di un investimento importante che impatterà sulla qualità e lo sviluppo di aree del nostro paese, attraverso la realizzazione di interventi realizzati nel rispetto e in simbiosi con la natura e che avrà anche impatti economici sui territori coinvolti, assicurando nuovi posti di lavoro legati alla ciclabilità e al turismo sostenibile.

Cinque chilometri si aggiungono ai dieci già liberamente percorribili. Il tratto è nel cuore della Valle d’Itria, tra vigneti, mandorleti, alberi da frutta di ogni tipo e muretti a secco

 

leggi tutto

Start-up che ha portato l’Irpinia nel mondo: 3DRap

3DRap, una start-up che ha portato l’Irpinia nel mondo nata in un piccolo borgo medievale dell’Irpinia, Capocastello di Mercogliano in provincia di Avellino. Una  giovane start-up irpina fondata da quattro giovani ingegneri meccanici: Domenico Orsi, Beniamino Izzo, Antonio De Stefano e Davide Cervone. Un vero e proprio laboratorio digitale che ha come principale obiettivo quello di permettere a chiunque di sviluppare la propria idea partendo semplicemente da una bozza su carta.

Dal disegno 3D alla progettazione, dal dimensionamento allo studio teorico dei componenti, questo li ha portati a sviluppare Poly, la più piccola stampante 3D al mondo portatile, biodegradabile, multi-tool, e a batteria, realizzata quasi interamente IN PLA una bioplastica ecocompatibile, anche nell’intelaiatura, che è in grado di biodegradarsi in poche ore se viene smaltita in un sito di compostaggio; presentata all’evento SMAU di Napoli e poi di Berlino, è la prima stampante 3D portatile, multi-utensile, alimentata a batteria funzionante anche da smartphone in wireless e utilizza un supporto micro sd. La stampante prevede diverse funzioni ed è destinata a un pubblico variegato come artisti, bambini e amatori, proprio perché compatta, leggera e semplice nel suo utilizzo.

il giovane team di 3DRap lancerà la campagna di crowdfunding su Kickstarter per presentare Poly e i suoi diversi tool e raccogliere i fondi per avviare la prima produzione industriale.

sito web

leggi tutto

Neve a Napoli. Campania sotto zero

La Campania si risveglia sotto la neve, una nevicata storica in quanto interessa tutta la Regione non solo in pianura ma fin sulle spiagge; a Napoli seconda nevicata in meno di 48 ore, non accadeva dal 1985, ma per accumulo e intensità è paragonabile al lontano 1956.

Via Jannelli – Napoli

La Protezione civile della Regione Campania ha prorogato l’allerta meteo di altre 48 ore e cioè fino alle mezzanottedi mercoledì 28 febbraio. Neve su Cilento, Costiera amalfitana imbiancata, neve fitta anche a Napoli centro e Caserta, con la Reggia imbiancata, neve ad Avellino e Benevento. Il fatto eccezionale è che sta nevicando quasi ovunque con temperature sottozero, fino a -7/-8°C sulle aree interne appenniniche. Pesantissimi i disagi, in particolare sul fronte stradale nelle province di Avellino, Benevento e Caserta. Ora il pericolo è il ghiaccio, lì dove la neve non è stata ancora rimossa. Diversi voli in partenza e in arrivo all’aeroporto di Capodichino sono stati cancellati, mentre altri hanno subito ritardi a causa della forte nevicata e del ghiaccio sulla pista. E resta alta l’emergenza scuole chiuse in molti comuni specie quelli del Sannio e dell’Irpinia; a Napoli si è disposto la chiusura delle scuole di ogni ordine e grado compresi i nidi con comunicato dell’assessorato alla scuola del Comune. Numerose sono le segnalazioni di danni a colture e strutture agricole

leggi tutto
1 2 3 4 5 15
Pagina 3di15